Contenuto Principale
PergineVox - PergineVox - Il cittadino Informa
Marine Le Pen richiede sospensione area Schengen

Marine Le Pe, leader del Front National in Francia, ha richiesto oggi la sospensione immediata dell’area Schengen per garantire la sicurezza in Francia dopo l’attentato di Istanbul.

Pubblicato inNazionale / Estera
La pista del sangue dietro la conservazione dell'Unione Europea

Esiste il caso, oppure è tutto già predeterminato dal destino o modellato dal libero arbritrio dell'uomo?

Pubblicato inNazionale / Estera
Martedì, 28 Giugno 2016 12:03

Sionismo. Il vero nemico degli ebrei

Sionismo. Il vero nemico degli ebrei

Titolo: Sionismo. Il vero nemico degli ebrei - Vol.1 Il falso Messia

Autore: Alan Hart

Editore: Zambon

Controtendenza, nell’attuale panorama librario sul tema Israele, appare questo libro di Alan Hart, primo di una trilogia in corso di traduzione in lingua italiana, che rivela le trame intessute nel mondo dal movimento sionista, già molto prima della seconda guerra mondiale.

Pubblicato inLibri
ZEROHEDGE – LA VERA CATASTROFE DEL BREXIT: LE 400 PERSONE PIÙ RICCHE DEL MONDO PERDONO 127 MILIARDI DI DOLLARI

Per lo scorno di tutti gli scettici, ZeroHedge conferma che il paventato disastro innescato dal Brexit si è effettivamente verificato: il crollo del mercato azionario successivo al referendum ha creato un buco di 127 miliardi di dollari nei patrimoni degli uomini più ricchi del pianeta, limandoli del 3,2%. George Soros l’aveva detto ai britannici: “state attenti, il Brexit vi renderà più poveri”. Non aveva precisato che si riferiva a se stesso e ai suoi colleghi miliardari, ma pare che i britannici l’abbiano comunque capito, votando di conseguenza.

Pubblicato inNazionale / Estera
Sabato, 25 Giugno 2016 12:07

Brexit Day

Brexit Day

Il referendum per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ha avuto successo e la preoccupazione delle grandi banche d’affari, dei governanti mondiali, Obama in testa, che rappresentano non i loro popoli, ma l’interesse dei mangia denaro, era stata esternata ancor prima dell’inizio del voto.

La GB che non ha mai avuto l’euro, che dalla UE ha avuto solo benefici economici per l’agricoltura, l’industria, per gli scambi commerciali, per l’intermediazione finanziaria e ben altro ancora, ha deciso di andarsene.

Pubblicato inNazionale / Estera
Il Regno Unito paradiso della corruzione e del riclaggio di denaro

Il fatto che il  Regno Unito sia alla pari con gli stati Uniti come uno dei paesi più corrotti del mondo non è un segreto, per quanto i governi di questi due paesi abbiano dato inizio a campagne di relazioni pubbliche nel tentativo di persuadere i propri cittadini che essi (i finanzieri e politici) non siano in assoluto responsabili di questi crimini.

Pubblicato inNazionale / Estera
Mercoledì, 22 Giugno 2016 09:09

LA REGINA HA PARLATO, LA BREXIT VINCERA’!

LA REGINA HA PARLATO, LA BREXIT VINCERA’!

A due giorni dal referendum la Regina ha parlato. Secondo il suo biografo Robert Lacey, nel corso di una cena Elisabetta II avrebbe posto questa domanda ai suoi commensali: “Datemi tre buone ragioni per cui la Gran Bretagna dovrebbe essere parte dell’Europa”.

Pubblicato inNazionale / Estera
Lunedì, 20 Giugno 2016 22:01

Monti al Mare

Monti al Mare
Pubblicato inNotizie TV
LA GERMANIA SI PREPARA AD UNA GUERRA CONTRO LA RUSSIA ?

Secondo un rapporto pubblicato il 6 giugno dalla testata economica tedesca Deutsche Wirtschafts Nachrichten, (DWN), il governo tedesco si starebbe preparando ad una guerra contro la Russia, ed avrebbe già una bozza di rapporto delle forze armate che dichiarerebbe la Russia una nazione nemica. DWN riporta: “I servizi segreti russi erano evidentemente a conoscenza del documento, in quanto, una dura nota di protesta è stata inviata a Berlino ben prima della pubblicazione dell’articolo. Il capo della commissione affari esteri della Duma Alexei Puschkow, pubblicava un messaggio su Twitter: ‘La decisione del governo tedesco di dichiarare la Russia un nemico, mostra la totale sottomissione della Merkel all’amministrazione Obama. ”

Pubblicato inNazionale / Estera
Il calo del prezzo del petrolio capovolge la scacchiera geopolitica

Il calo del prezzo del petrolio ha smentito la teoria del «picco di Hubbert». Non ci dovrebbe essere alcuna penuria energetica nel prossimo secolo. Il calo dei prezzi ha probabilmente pure iniziato a smantellare la teoria della «origine umana del riscaldamento climatico». Ha privato di ogni redditività le fonti energetiche alternative e gli investimenti negli idrocarburi estratti da scisti bituminosi e nelle perforazioni in acque profonde. Nel capovolgere la scacchiera geopolitica, è probabile che richiami i militari USA in Medio Oriente e costringa il Pentagono ad abbandonare definitivamente la teoria del «caos costruttivo».

Pubblicato inNazionale / Estera
Pagina 1 di 2
Ricerca / Colonna destra

frase ok

Notizie Random

  • L’UE nasconde la testa sotto la sabbia
    Scritto da
    All'ombra del referendum sull’autodeterminazione della Scozia un'altra emergenza si evidenzia sulla sorte dell'Unione europea. I leader dell'UE hanno preso la decisione finale di rinviare a tempo indeterminato il vertice economico che avrebbe dovuto essere la chiave dell’attuale semestre di presidenza italiana. La versione ufficiale è che l'agenda è sovraccarica. Tuttavia, nelle hall di Bruxelles si vocifera che l'assenza dei leader europei dipende dalla impossibilità di capire cosa fare con l’economia europea.
    Leggi tutto...

Utenti online

Abbiamo 359 visitatori e nessun utente online

Video

"Macron è uno psicopatico": analisi di uno psichiatra italiano

Il professor Adriano Segatori è psichiatra e psicoterapeuta italiano. La sua analisi del profilo di Emmanuel Macron, basata in particolare sulla sua biografia e le sue immagini della campagna, lo spinge a concludere: "  Macron è uno psicopatico che lavora solo per se stesso.  "

Ti piace il giornale ?
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:
 
Powered by Sexy Polling
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto