Contenuto Principale
Lunedì, 19 Settembre 2016

Monsanto-Bayer: un matrimonio da brividi

Postato da  
Monsanto-Bayer: un matrimonio da brividi

In un club già ristretto, un impero farmaceutico ora ha più potere, decisivo sul futuro della nostra alimentazione e della nostra salute. Ecco chi perderà e come.

di Nina Lepori.

 AMBURGO (Germania) - Con la fusione fra Monsanto e Bayer nasce dunque il più grande fornitore al mondo di prodotti per l'agricoltura (sementi e pesticidi), con l'acquisizione del 30% del mercato mondiale delle sementi.

Sono 6 le aziende che si dividono il 60% del mercato mondiale dei semi.
 
All'interno di circolo già estremamente ristretto ai vertici del pianeta, un impero farmaceutico acquisisce ancora più potere, decisivo sul futuro della nostra alimentazione e - in definitiva - sul futuro della nostra salute.
 
Chi vince: gli azionisti della Monsanto, i top manager e i loro assistenti nelle banche e negli studi legali: raccolgono, oltre al resto, 66 miliardi di euro, un sacco di soldi, che consumatori, agricoltori e dipendenti dovranno aiutare a recuperare.
 
Chi perde: tutti gli altri:
 
- Gli agricoltori, che si ritroveranno ad avere meno scelta di fronte a prezzi più elevati.
- I consumatori europei che sono contrari all'ingegneria genetica in agricoltura. Il gigante tedesco avrà tutto l'interesse a fare pressione per l'estensione di colture geneticamente modificate (con l'argomento che è in gioco il futuro di migliaia di posti di lavoro).
- Il nostro patrimonio di varietà di piante agricole, necessario per adattare l'agricoltura ai cambiamenti climatici, e per garantire cibo al mondo.
- Gli stessi dipendenti della Bayer: come in qualsiasi grande fusione, andranno incontro a una "razionalizzazione" delle posizioni ricoperte fino a quel momento, a incertezze per le differenti culture aziendali, così come a cambiamenti gestionali che chiederanno loro adattamento e "sacrifici".
- Noi tutti: un adattamento alle normative statunitensi degli standard di qualità e sicurezza a cui fino ad oggi l'Unione Europea si è ispirata non farà altro che «indebolire i processi decisionali democratici a vantaggio delle multinazionali» (come scrive Der Spiegel).
Auguri.

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Intervista a Caterina Dominici, candidata nella lista di Autonomia 2020
    Scritto da
    Caterina Dominici non ha bisogno di presentazioni. Molti sono stati gli allievi degli istituti scolastici da lei diretti nel corso degli anni. Preside a Mezzolombardo, Cles, Tione, all’Istituto Tecnico Industriale ed al Liceo scientifico “Leonardo Da Vinci” di Trento, la professoressa Dominici ha affiancato nel corso degli anni l’impegno professionale con quello politico, congiunti da un comune denominatore: l’impegno per gli altri, per il sociale e soprattutto per le generazioni del futuro.
    Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto